Uscire dalla UE per 10 anni

Dobbiamo uscire dalla UE per 10 anni, riformare radicalmente la giustizia —> abbattere la criminalità organizzata e la corruzione, abbattere l’evasione fiscale partendo da dove essa è maggiore, ricostruire dalle fondamenta economia + scuola-università-ricerca + amministrazione pubblica, cancellare e rifare completamente la legge sulla fiscalità, adottare un federalismo vero, e diventare una vera potenza economica come è nelle nostre possibilità.

Uscire dalla UE:

  1. perché non possiamo nemmeno decidere che calzini mettiamo la mattina – ce li impongono Germania, Francia e GranBretagna -,
  2. perché i tedeschi ci dicono chi deve essere il capo del nostro governo (leggansi Merkel e Scheuble recenti),
  3. perché la UE lascia Cina & Co liberi di inondare il nostro mercato con prodotti di tutti i tipi a prezzi bassissimi ottenuti con il dumping e con stipendi bassissimi ai loro lavoratori facendo fallire le nostre aziende e lasciando per strada decine di migliaia se non centinaia di migliaia di famiglie,
  4.  perché la UE sta scippando anche i prodotti DOC del nostro agroalimentare,
  5. perché……….. basta così o andiamo avanti?
  6. I nostri risparmi perderebbero molto del loro valore? Vorrei vedere le esportazioni, e vorrei vedere le facce di tedeschi, francesi e inglesi quando inondati dei nostri prodotti “cinesi” (di qualità enormemente superiore)

Riformare radicalmente la giustizia:

  1. basta con questo paese di ciarlatani ladri e truffatori impuniti e di brava gente calpestata; dal piccolo al grande crimine/reato servono pene certe di applicazione rapidissima. Si introducano i lavori forzati per alcuni tipi di reati.
  2. I magistrati devono rispondere in sede penale, civile ed amministrativa del loro operato e degli errori commessi non solo a danno dell’imputato, ma anche a danno della collettività quando la assoluzione di un criminale comporta danni per una o più persone o per la comunità nel suo complesso (vedansi mafiosi rimessi in libertà per inerzia dei giudici o stupratori e pazzi ai domiciliari)
  3. le cancellerie dei tribunali devono rispondere in sede penale, civile ed amministrativa delle grandi inefficienze dell’apparato e della incuria con cui in molte sedi sono gestite attività, archivi, pratiche. Solo con la responsabilità personale applicata agli attori della giustizia così come avviene in tutti gli altri campi dell’apparato pubblico si può ridare civiltà al paese

Abbattere la criminalità organizzata e la corruzione

Mani libere a tribunali e forze dell’ordine:

  1. nella lotta alla criminalità organizzata: non si può rispondere con la fionda a chi usa il cannone
  2. alla corruzione dilagante: semplicissimo, basta volerlo. Prelazione negli appalti alle aziende che denunciano con i fatti gli episodi di corruzione e licenziamento in tronco ai corrotti

Abbattere la evasione fiscale

  1. deduzione anche per le famiglie delle spese sostenute sulla base del solo scontrino fiscale
  2. forti sanzioni e interdizione dalle attività economiche per gli evasori
  3. partire dalle regioni in cui l’evasione è maggiore (si sa perfettamente quali sono)

 

Ricostruire dalle fondamenta economia + scuola-università-ricerca + amministrazione pubblica

Sulla base della applicazione rigorosa di quanto sopra:

  1. rifare completamente la legislazione in tema fiscale e tributario con un testo unico comprensibile con agilità ad ogni cittadino
  2. tassazione + imposizione fino ad un massimo complessivo – diretta + indiretta – del 30%
  3. investire nel settore scuola-università-ricerca il 3,5% del PIL in aggiunta a quanto si investe oggi (totale 5%circa). Come dimostrato da molti studi recenti, lo sviluppo di economia e benessere di una popolazione varia secondo una curva esponenziale degli investimenti in questo settore

Adottare un federalismo vero

  1. ogni regione ed ogni ente locale deve avere la piena responsabilità di ciò che fa e quindi
  2. ogni regione trattiene per se 10/10 delle tasse e imposte versate dai propri contribuenti, IVA allo stato nella misura massima del 20%, no IRAP o altri surrogati che facciano entrare dalla finestra ciò che è uscito dalla porta; opere strategiche finanziate su base federale in parte con 20% di IVA ed in minima parte attingendo ai 10/10 trattenuti dalle regioni
  3. solidarietà solo per calamità naturali
  4. pubblicazione di bilanci di efficienza delle regioni sintetici e comprensibili ad ogni elettore

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *